Storia dell'Accademia

     

    CHI SIAMO

     

    L'Accademia, fondata da Marinella Santini e Alessandro Serafini, nasce dalla fusione del Centro per lo Studio della Danza con il Gruppo Teatro Balletto®, compagnia stabile del Centro.

     

    Il Centro per lo Studio della Danza, nato nel 1976 a Grosseto per volontà di Marinella Santini e Raffaello Serafini, ha occupato uno dei primi posti nel quadro artistico e culturale della città, ottenendo consensi e soddisfazioni anche a livello nazionale.
    Nel 1977 ha realizzato, per la Radiotelevisione Italiana, il balletto Visioni di guerra andato in onda sul primo canale della RAI il 1° gennaio 1978, in occasione della giornata mondiale della Pace, quale primo spettacolo del nuovo anno.

     

    È del 1978 la visita di Giuliana Penzi, allora Direttrice dell'Accademia Nazionale di Danza di Roma, che, riconoscendo la validità del metodo d'insegnamento, consigliò la presentazione degli allievi più dotati agli esami di ammissione ai corsi presso l'Accademia stessa. Oggi, infatti, alcuni fra i tanti allievi del Centro, dopo essersi diplomati all'Accademia di Roma, si dedicano alla professione sia nel campo artistico sia in quello dell'insegnamento. Sempre del 1978 è la partecipazione alla Grande serata artistico-musicale al Palasport di Roma con il brano Preghiera per l'anno 2000, registrato dalla Rai e trasmesso sul primo canale nel programma in memoria di Raoul Follerau.

    E cosi via... ancora molti spettacoli per diffondere l'arte della Danza, rivolgendosi anche ad un pubblico giovane: molte le rappresentazioni rivolte ai ragazzi ed organizzate per le scuole in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura del Comune di Grosseto.

     

    Risale al 1982 la partecipazione al Primo Festival Nazionale delle Scuole di Danza a Livorno, fino a giungere, ancora a Livorno, al Primo Festival Mascagnano presso il Teatro La Gran Guardia nel maggio 1985.

     

    All'interno del Centro, nasce in quegli anni l'A.Cu.Di.D. (Associazione Culturale per la Divulgazione della Danza), con la finalità di avvicinare la città e la provincia di Grosseto ad iniziative artistiche e culturali nel campo della danza, organizzando spettacoli di balletto, conferenze, dibattiti e manifestazioni con artisti, compagnie e personalità di prestigio e valore. In collaborazione con l'Assessorato alla Cultura del Comune di Grosseto si è dato vita alla Prima Rassegna di Danza (1984) e agli Incontri con la Danza (1985, 1986, 1987).

     

    Con Incontri con la Danza 1986 è nato inoltre il Premio per la Danza Città di Grosseto , che ha visto tra i premiati nomi prestigiosi in ambito nazionale ed internazionale quali: Carla Fracci, Vladimir Derevianko, Oriella Dorella, Marco Pierin, Aurelio M. Milloss, Amedeo Amodio, Anna Maria Prina, Giuliana Penzi, Liliana Porselli e la Casa editrice Di Giacomo. Il Premio Città di Grosseto è stato riproposto nelle edizioni 1999 e 2000 di Incontri con la Danza, organizzate in collaborazione con l'Associazione Teatro degli Industri, conferendo il premio a: Elisabetta Terabust, Micha Van Hoeche, Marzia Falcon, Flavia Pappacena, Eugenio Scigliano, Fabrizio Monteverde, Cristina Bozzolini e il Balletto di Toscana.

     

    Importante la partecipazione al Festival Internazionale del Balletto di Nervi (luglio 1985), nell'ambito della Rassegna Spazio aperto , organizzata da Vittoria Ottolenghi e Alberto Testa, che per l'occasione così commentava su La Repubblica : «... Marinella Santini ha dimostrato che la professionalità seria e consapevole può albergare in un gruppo che professionale ancora non è ma che ha tutte le carte in regola per diventarlo...».

     

    Risale al marzo 1988 la partecipazione ad uno spettacolo al Teatro Giulio Cesare di Roma, al quale hanno preso parte anche i primi ballerini del Teatro dell'Opera e il Gruppo Stabile dell'Accademia Nazionale di Danza. Nell'ambito della serata è stato presentato il balletto Prelude á l'aprés-midi d'un faune di V. Nijnskij - C. Debussy (il cui allestimento è stato interamente curato dal Centro per lo Studio della Danza), con la partecipazione di Piero Martelletta, allora primo ballerino del Teatro dell'Opera di Roma, nel ruolo di protagonista.

     

    Nel febbraio 1992, nell'allestimento proposto dalla compagnia La Mandragola di Grosseto, il Gruppo Teatro Balletto ® ha interpretato, per le coreografie di Marinella Santini, i balletti della commedia musicale Aggiungi un posto a tavola, che ha vinto a Vicenza il 1° premio al Festival Nazionale La Maschera d'Oro, oltre al premio speciale per "Lo spettacolo più gradito dal pubblico".

     


    Nel maggio '97 e '98, nell'ambito dei meeting internazionali della Danza di Castiglioncello e di Livorno,organizzati dall'Associazione Europea Danza, il Centro è stato invitato a presentare, per due giornate consecutive, uno spettacolo di Danze storiche e di Carattere, realizzato dal Maestro Michail Berkut, noto ricercatore in questi settori della Danza. Per questo motivo, nel maggio 2000, la Scuola è stata insignita a Sorrento del premio nazionale Napoli Danza a riconoscimento dei meriti didattici e culturali acquisiti. Ancora soddisfazioni nel 2001 e nel 2002: nell'ambito del Festival Nazionale delle Scuole di Danza di Gubbio, in seguito ad un' importante selezione, il Centro è risultato tra le migliori scuole di danza italiane partecipanti alla manifestazione.

    Il 2001 è stato inoltre testimone di un importante cambiamento all'interno della compagine del Centro: nel mese di luglio al socio fondatore Raffaello Serafini è subentrato il figlio Alessandro, con il compito di proseguirne il lavoro nell'ambito della Direzione Artistica. L'attività pluriennale del Centro per lo Studio della Danza ha sempre avuto come obiettivo primario la formazione della persona nella sua totalità di corpo, mente e affetti. Nel 2004, in una prospettiva meglio allineata con i tempi moderni, si è sentita dunque l'esigenza di ampliare l'offerta didattica nell'ambito dello Spettacolo e di creare una struttura in grado di fornire ulteriori strumenti di formazione che, andando oltre l'aspetto educativo generale della persona, consentano anche l'apertura al mondo della professione.

     

     L' Accademia dello Spettacolo nasce, dunque, da una volontà di innovazione unita alla tradizione di un'attività artistica e formativa sempre coerente nella visione del valore culturale, e perciò sociale, dell'Arte.

     

    Già alcuni allievi, dopo un solo anno dalla nascita dell'Accademia, hanno ottenuto grandi soddisfazioni, iniziando la loro carriera professionale. Angela Pepi viene ammessa alla Scuola del "Teatro dell'Orologio" di Roma: Angela ha iniziato il suo percorso di studio con Alessandro Serafini prendendo parte a numerosi spettacoli della Compagnia Teatro Balletto®. Elisa Capasso viene ammessa al corso di laurea triennale, ramo coreografia, presso l'Accademia Nazionale di Danza. Nel febbraio di quest'anno, Alessandro Ruggiero e Martina Morandini iniziano il loro percorso professionale come doppiatori presso gli stabilimenti romani. Ancora riconoscimenti a livello nazionale: L' Accademia dello Spettacolo ha ricevuto nel marzo 2006 il premio speciale della giuria, nell'ambito del concorso "Scarpetta di Cristallo", organizzato dalla Walt Disney Company in collaborazione con la F.N.A.S.D. Applausi dunque per "Taglia e Cuci", la coreografia presentata, non solo al Teatro comunale di Bologna, dove è stato consegnato il premio, ma anche a Gubbio, dove il balletto è stato riproposto in occasione del "Festival Nazionale delle Scuole di Danza" e al Teatro Guglielmi di Massa, in occasione della rassegna delle scuole di Danza della Toscana organizzata dall'associazione "Toscana Danza".

     

    Nell'ottobre del 2006 l'Accademia dello Spettacolo viene invitata al 20th World Congress on Dance Council Research di Atene, il più grande congresso internazionale di Danza che ospita artisti provenienti da tutto il mondo. La Scuola ha deciso di presentare l'esperienza relativa al GiocoDanza®, una forma di attività dedicata ai bambini dai tre agli otto anni, suscitando molto interesse fra i partecipanti. Il solo fatto di essere stati presenti conferma l'alto valore professionale ed artistico della Scuola, consolidato ormai da decenni.Dal giugno 2006 l'Accademia dello Spettacolo collabora con il CCN, il Centre Choréographique National di Roubaix Pas De Calais (Francia), diretto da Pascal Minam-Borier e Carolyn Carlson.

     

    Nel Febbraio 2008 l'Accademia è stata invitata a partecipare allo Stage che si è tenuto presso la prestigiosa scuola francese. Esperienza che si è ripetuta anche quet'anno e che ha visto la partecipazione di undici danzatrici dell'Accademia. Sono state giornate di full immersion nella Danza, nei suoi molteplici aspetti: le allieve si sono accostate infatti ai vari stili della danza, dal classico alla danza di carattere. Lo Stage era finalizzato alla produzione di uno spettacolo che è stato rappresentato presso il teatro Le Colisée di Roubaix alla presenza di illustri personalità del mondo della Danza. Certamente per le giovani allieve dell'Accademia è stato un arricchimento, un'esperienza molto interessante, che ha dato loro la possibilità di studiare con grandi maestri, confrontandosi inoltre con allievi provenienti da vari paesi europei.